Se il mio ex frequenta un nuovo partner, posso impedire che anche mio figlio lo frequenti?

Non esiste una norma che possa impedire all'ex coniuge di far frequentare al figlio il nuovo partner.

Questa sarebbe la limitazione di una libertà fondamentale sancita a livello costituzionale.

Il correttivo arriva tuttavia dai Tribunali che indirizzano in tal senso :  seppure debba essere rispettata la volontà personale di rifarsi una vita che includa anche la presenza del figlio nato dal precedente matrimonio, i Giudici se sollecitati sul punto in sede di separazione, consiglieranno sempre di stabilire le modalità di questa frequentazione , tenendo conto dei tempi del minore, dell'età, della sua sensibilità e di eventuali suoi rifiuti. Quindi nella redazione dell'accordo l'avvocato aiuterà la coppia a concordemente dei “paletti” che dirigano la nuova frequentazione del minore col nuovo partner in modo soft e graduale, senza che tale evento venga vissuto dal bambino come traumatico. In caso di coniuge particolarmente insensibile a questa problematica si sottoporrà al Giudice la situazione al fine di veder tutelato al meglio l'interesse del minore. Avere un altro partner infatti è un sacrosanto diritto, imporlo con la forza piuttosto che inserirlo gradualmente nella vita del minore fa la differenza ed è oggetto di attenzione del Giudice.